LEOPARDI AL CINEMA: COME UN BLOCKBUSTER

IGF_persuccesso_primowe

Uno straordinario risultato da blockbuster per Leopardi al cinema, vero super-eroe degli schermi italiani nel primo fine settimana di programmazione.

Uscito in 220 copie, IL GIOVANE FAVOLOSO diretto da Mario Martone e interpretato da Elio Germano ha ottenuto la più alta media copia per sala con € 5.012 e il secondo piazzamento al box office superando ampiamente il milione di euro (€ 1.110.099).

Un numero di spettatori eccezionale – 174.000 – ha affollato le sale “favolose” (moltissime le proiezioni esaurite) in un fine settimana estivo, a dimostrazione che esiste un grande pubblico anche per un cinema come questo, eccentrico rispetto all’offerta media, impegnativo nella proposta.

IL GIOVANE FAVOLOSO è insieme un grande film cui hanno concorso eccezionali talenti artistici e tecnici, e una grande operazione culturale resa possibile grazie all’impegno produttivo di Palomar e Rai Cinema, con il contributo di Regione Marche, Mibact, Fondazione Marche Cinema, di un pool di imprenditori marchigiani e quello distributivo di 01 Distribution.

“Sono sempre stato convinto – afferma Mario Martone – che bisogna avere fiducia nel pubblico: il risultato clamoroso di questo primo fine settimana ci dice che gli spettatori hanno fame di bellezza, di pensiero, di emozioni profonde. A Toronto il pubblico canadese si è entusiasmato per il film senza sapere chi fosse Leopardi, da noi lo si riscopre in modo entusiasmante: tutto questo vuol dire che il cinema è ancora vivo e potente”.

lì, 20 ottobre 2014

Il giovane favoloso: dove vederlo

FotoPerSaleIGF

– MOLISE:

Campobasso – Maestoso

 

– CAMPANIA:

Afragola – Happy

Benevento – Gaveli

Caserta – Duel

Castellamare – Supercinema

Marcianise – Big

Napoli – Filangieri

Napoli – America Hall

Napoli – Metropolitan

Napoli – La Perla

Napoli – Modernissimo

Nola – Savoia

Salerno – T. Arti

Torrecuso – Torrevillage

 

-EMILIA ROMAGNA:

Bologna – Arlecchino

Bologna – Bristol

Bologna – Lumiere

Bologna – Odeon

Carpi – Eden

Cavriago – Novecento

Cesena – Eliseo

Faenza – Italia

Ferrara – Apollo

Forlì – Saffi

Imola – Don Fiorentini

Modena – Raffaello

Parma – Astra

Piacenza – Ritz

Ravenna – Astoria

Reggio Emilia – Olimpia

Rimini – Settebello

Savignano – Uci

 

– ABRUZZO:

Avezzano – Astra

L’Aquila – Movieplex

Pescara – Massimo

Chieti – Movieland

 

– LAZIO:

Fiano – Feronia

Fiumicino – Uci

Frascati – Politeama

Frosinone – Sisto

Latina – Oxer

Ostia – Cineland

Rieti – Moderno

Roma – Giulio Cesare

Roma – 4 fontane

Roma – Greenwich

Roma – Admiral

Roma – Eurcine

Roma – Tibur

Roma – Jolly

Roma – Maestoso

Roma – Multiplex Savoy

Roma – Alhambra

Roma – Andromeda

Roma – Antares

Roma – Lux

Roma – Madison

Roma – Odeon

Roma – Roxyparioli

Roma – Royal

Roma – Uci Porta di Roma

Tarquinia – Etrusco

Vitorchiano – Cinetuscia

 

– UMBRIA:

Perugia – Zenith

Terni – Citiplex

Foligno – Supercinema

 

– LIGURIA:

Bordighera – Olimpia

Genova – America

Genova – Sivori

La Spezia – Nuovo

Sanremo – Centrale

Savona – Diana

 

– LOMBARDIA:

Bergamo – Capitol

Brescia – Sociale

Cologno – Teatro

Como – Astra

Cremona – Spazio Cinema

Cusano – San Giovanni Bosco

Gallarate – Arti

Legnano – Ratti

Lodi – Fanfulla

Mantova – Ariston

Milano – Apollo

Milano – Anteo

Milano – Colosseo

Milano – Ducale

Milano – Plinius

Milano – Uci Bicocca

Monza – Capitol

Paderno – Metropolis

Pavia – Politeama

San Donato – Troisi

Seregno – Roma

Sesto – Rondinella

Treviglio – Ariston

Varese – Miv

 

 

– MARCHE:

Ancona – Goldoni

Ancona – Galleria

Ancona – Uci

Ascoli – Odeon

Civitanova – Rossini

Fabriano – Movieland

Falconara – Excelsior

Fano – Politeama

Fermo – Super 8

Fermo – Sala Artisti

Jesi – Uci

Macerata – Multiplex

Matelica – Multiplex

Montesilvano – The Space

Pesaro – Metropolis

Pesaro – Solaris

Pesaro – Uci

Porto Recanati – Kursaal

Porto Sant’Elpidio – Uci

Recanati – Multisala

San Benedetto – Uci

Senigallia – Gabbiano

Senigallia – Uci

Spoltore – Arca

Tolentino – Multiplex

Urbino – Ducale

 

– PIEMONTE:

Alba – Cine 4

Alessandria – Cristalli

Asti – Teatro

Biella – Mazzini

Bra – Impero

Chieri – Splendor

Cuneo – Lanteri

Fossano – I Portici

Ivrea – Politeama

Moncalieri – Uci

Novara – Araldo

Pianezza – Lumiere

San Mauro – Gobetti

Savigliano – Aurora

Torino – Ambrosio

Torino – Reposi

Torino – Massimo

Torino – Eliseo

Torino – Due Giardini

Vercelli – Belvedere

 

– PUGLIA:

Altamura – Grande

Andria – Roma

Bari – Galleria

Bari – Showville

Barletta – Opera

Brindisi – Andromeda

Corato – Alfieri

Foggia – Città del cinema

Gioia – Seven

Gravina – Sidion

Lecce – Massimo

Polignano – Vignola

Putignano – Margherita

Taranto – Bellarmino

 

– BASILICATA:

Matera – Comunale

Tito – Ranieri

 

SARDEGNA:

Cagliari – Odissea

Cagliari – Uci

Nuoro – Prato

 

– SICILIA:

Bagheria – Capitol

Catania – Alfieri

Messina – Apollo

Palermo – Gaudium

Palermo – Rouge et Noir

Sciacca – Badia

Siracusa – Aurora

Trapani – Diana

 

– CALABRIA:

Reggio Calabria – Aurora

Cosenza – Supercinema

 

– TOSCANA:

Campi – Uci

Chiusi – Clev Village

Firenze – Fiorella

Firenze – Principe

Livorno – Gran Guardia

Lucca – Centrale

Massa – Splendor

Montevarchi – Cine 8

Pisa – Isola Verde

Pistoia – Roma

Poggibonsi – Garibaldi

Pontedera – Cineplex

Prato – Eden

Scandicci – Cabiria

Sesto F – Grotta

Siena – Pendola

Viareggio – Politeama

Orbetello – Supercinema

 

– VENETO:

Bassano – Martinovich

Belluno – Italia

Mestre- Candiani

Mirano – Teatro

Monfalcone – Kinemax

Padova – Porto Astra

Paese – Manzoni

Rovigo – Cinergia

San Donà di Piave – Don Bosco

Treviso – Edera

Venezia – Giorgione

Verona – K2

Vicenza – Aracoeli

 

– TRENTINO:

Trento – Astra

Bolzano – Capitol

 

– VALLE D’AOSTA:

Aosta – De La Ville

 

– FRIULI VENEZIA GIULIA:

Trieste – Giotto

Udine – Visionario

Pordenone – Zero

GIOVANE FAVOLOSO – TRAILER

CMYK base

VENEZIA 71

Manifesto_71MIAC_tagliata

IL GIOVANE FAVOLOSO di Mario MARTONE e LA ZUPPA DEL DEMONIO di Davide FERRARIO alla 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

IL GIOVANE FAVOLOSO

CMYK base

Stampa

IL GIOVANE FAVOLOSO di Mario MARTONE

prodotto da Carlo DEGLI ESPOSTI, Patrizia MASSA, Nicola SERRA
una produzione PALOMAR con RAI CINEMA
distribuzione 01 DISTRIBUTION

uscita 16 OTTOBRE 2014

realizzato con il contributo della REGIONE MARCHE
e della FONDAZIONE MARCHE CINEMA MULTIMEDIA, MARCHE FILM COMMISSION
in associazione con FONDAZIONE MARCHE, ALGUAR IMMOBILIARE S.R.L., ARCADIA HOLDING S.R.L., LOAN HOTELS, ECHIDNA S.P.A., FRAPI S.P.A., ARISTON, ORCIANI S.P.A., PIGINI GROUP S.P.A., TECNOSTAMPA S.R.L.
(ai sensi delle norme sul tax credit)

film riconosciuto di interesse culturale con il sostegno del MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO
opera realizzata con il sostegno della REGIONE LAZIO – FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L’AUDIOVISIVO

 scarica il pressbook

 scarica le foto in alta risoluzione

*gallery fotografica e clip video a fondo pagina

 

regia Mario MARTONE
fotografia Renato BERTA
montaggio Jacopo QUADRI
sceneggiatura Mario MARTONE, Ippolita DI MAJO
musiche Sascha RING
scenografia Giancarlo MUSELLI
art director Carlo RESCIGNO
arredatore Stefano PALTRINIERI
costumi Ursula PATZAK
trucco Maurizio SILVI
acconciature Aldo SIGNORETTI, Alberta GIULIANI
suono in presa diretta Alessandro ZANON A.T.I.S.
montaggio del suono Silvia MOREAS
mix Paolo SEGAT
aiuto regia Barbara MELEGA
secondo aiuto Edoardo PETTI, Guido COLLA
casting Paola ROTA, Raffaele DI FLORIO
operatore alla macchina Renaud PERSONNAZ
segretaria di edizione Fiorella AMICO
direttore di produzione Riccardo BORNI, Lorenzo LUCCARINI
effetti visivi Rodolfo MIGLIARI
assistente al doppiaggio Sara PETRACCA
edizione Gianni MONCIOTTI
producer Palomar Marco CAMILLI
ufficio stampa Marzia MILANESI – Comunicazione per il cinema

con
ELIO GERMANO Giacomo Leopardi
MICHELE RIONDINO
 Antonio Ranieri
MASSIMO POPOLIZIO 
Monaldo Leopardi
ANNA MOUGLALIS 
Fanny Targioni Tozzetti
VALERIO BINASCO 
Pietro Giordani
PAOLO GRAZIOSI 
Carlo Antici
IAIA FORTE signora Rosa, padrona di casa
SANDRO LOMBARDI  Don Vincenzo, precettore di casa Leopardi
RAFFAELLA GIORDANO Adelaide Antici Leopardi
EDOARDO NATOLI 
Carlo Leopardi
GIOVANNI LUDENO Pasquale Ignarra, famiglio di casa Ranieri
FEDERICA DE COLA Paolina Ranieri
GIORGIA SALARI Maddalena Pelzet detta Lenina
e per la prima volta sullo schermo GLORIA GHERGO Teresa Fattorini (Silvia)
con ISABELLA RAGONESE nel ruolo di Paolina Leopardi

 

Sinossi
Leopardi è un bambino prodigio che cresce sotto lo sguardo implacabile del padre, in una casa che è una biblioteca. La sua mente spazia ma la casa è una prigione: legge di tutto, ma l’universo è fuori.
In Europa il mondo cambia, scoppiano le rivoluzioni e Giacomo cerca disperatamente contatti con l’esterno. A ventiquattro anni, quando lascia finalmente Recanati, l’alta società italiana gli apre le porte ma il nostro ribelle non si adatta. A Firenze si coinvolge in un triangolo sentimentale con Antonio Ranieri, l’amico napoletano con cui convive da bohémien, e la bellissima Fanny. Si trasferisce infine a Napoli con Ranieri dove vive immerso nello spettacolo disperato e vitale della città plebea. Scoppia il colera: Giacomo e Ranieri compiono l’ultimo pezzo del lungo viaggio, verso una villa immersa nella campagna sotto il Vesuvio.

 

Cosa racconta il film
Al pari di Mozart con suo padre Leopold, Giacomo Leopardi è un bambino prodigioso che cresce sotto lo sguardo orgoglioso e implacabile del padre, il conte Monaldo,  dentro una casa che è una biblioteca. Sua madre, cattolicissima, pretende di assistere alle confessioni in chiesa del figlio.  Giacomo non esce quasi mai di casa, intorno a sé ci sono solo libri, e oltre i libri le alte mura della cittadina di Recanati. Dentro quella biblioteca la mente infinita di Giacomo cerca spazio, impara tutto e tutto padroneggia, ma la biblioteca è una prigione: per quanto in quelle pagine si legga di tutto l’universo, l’universo è fuori, lontano, irraggiungibile. Tra queste mura prendono forma l’immaginazione del poeta e al contempo le malattie che lo tormenteranno per tutta la vita. Dalla finestra di casa Giacomo osserva la vita quotidiana del paese, e ha cara la ragazza che lavora al filatoio nell’umile casa di fronte. Avvia, attraverso le poesie, un’autobiografia interiore immensa e sofferta che lo porterà a delineare sempre più nitidamente il suo pensiero: in tempi di cattolicesimo assoluto e nella terra del papa, sarà un pensiero laico, lucido, una capacità implacabile di scorgere tutte le ipocrisie della società che avrà intorno. Ma già da adolescente sente che fuori il mondo cambia, l’Illuminismo apre la mente, scoppiano le rivoluzioni: Giacomo il ribelle cerca disperatamente contatti con l’esterno. Entra in corrispondenza con Pietro Giordani, un letterato che intuisce la gigantesca statura poetica del ragazzo. Nasce un fortissimo,  reciproco trasporto, le loro lettere bruciano, come brucia il breve incontro che avviene a Recanati. Leopardi sente di dover scappare e organizza la fuga. Dal passaporto alla carrozza tutto è pronto quando il progetto viene scoperto da Monaldo. Mentre la ragazza del filatoio muore per tisi, la prigione di Recanati chiude inesorabile le sue porte.

Sono passati dieci anni.  I maggiori circoli intellettuali italiani da tempo hanno aperto le porte al sublime poeta tormentato e veggente ma Giacomo mal si adatta alle ipocrisie dei salotti e rifiuta ogni offerta di lavoro che possa ingabbiare la sua libertà di pensiero. Ha amato diverse donne, amori perlopiù infelici, ma è un uomo la persona a cui si è legato e con cui convive da bohémien:  è più giovane di lui, è un rivoluzionario napoletano in fuga, bello, romantico, patriottico, si chiama Antonio Ranieri. Anche Ranieri, come Giordani, capisce la grande statura dell’amico, e lo assiste con devozione, mettendo su carta i versi che Giacomo gli detta. Leopardi è infatti sempre più segnato dalle sue malattie, ma semicecità e deformazioni non gli impediscono di invaghirsi della dama fiorentina Fanny Targioni-Tozzetti, che a sua volta è invaghita di Ranieri. Il pensiero che nulla nasconde dell’infelicità della condizione umana è tutt’uno con la spinta vitale di Giacomo, che sperimenta sempre su di sé quelle “illusioni naturali dell’animo” che racchiudono, per lui, l’unico senso dello stare al mondo. Fanny sparirà da questa costellazione come la luna che precipita dal cielo negli incubi di Leopardi, lasciando un buco nero nello spazio e un deserto nel cuore di Giacomo.

Ranieri, invece, resta vicino all’amico e non lo lascia, il loro rapporto è destinato a durare per sempre.  Intanto la restaurazione  si fa sentire, ma i suoi  oppositori si fanno  forza di idealismi  che appaiono patetici  agli occhi  di Leopardi: il  rapporto del  poeta con  la società  intellettuale del suo tempo peggiora di anno in anno, Leopardi è sempre più emarginato. Un’amnistia riapre a Ranieri le porte della sua città, Antonio convince Giacomo a trasferirsi con lui a Napoli, dove l’aria è salubre e il clima giovevole alle sue condizioni di salute.

Ai due amici tocca un’ultima sosta a Roma prima di arrivare a Napoli. Nella città del Papa e del potere invisa a Leopardi riappare, durante l’incontro con gli zii Antici che avverrà dopo una lunga attesa, il fantasma di Recanati. È qui che l’ultimo filo con la famiglia si spezza, Leopardi ha tagliato tutti i lacci, pronto a vivere “secondo natura”.

L’incontro con Napoli cambia tutto. Il poeta vive immerso nello spettacolo disperato e vitale della città plebea, le case dove Giacomo convive con Ranieri si trovano sempre in quartieri popolari, i cui vicoli sono pieni di gente che vive per strada, ladri, prostitute, scugnizzi che additano il poeta ormai gobbo chiamandolo “ranavuottolo”, ranocchio. Ma Leopardi ama Napoli e la sua sfacciata realtà. Preferisce intrattenersi con gli uomini e i ragazzi che popolano le osterie piuttosto che con gli esponenti della società intellettuale napoletana, ai quali dedica versi fulminanti. Sa ridere Leopardi, a dispetto della disperazione che anima la sua scrittura, sempre più lucida e straordinaria. Nietzsche, considerandolo il più grande creatore di stile poetico dell’Ottocento, accosterà Leopardi a Chopin, per il modo in cui guarda e adora la bellezza.
Scoppia il colera. Preoccupato per la salute di Giacomo, Ranieri provvede a trovargli per il periodo estivo una casa in collina, alle pendici del Vesuvio. Il monte sovrasta la casa, con le sue colate immense, il fumo nero che avvolge tutto, Pompei ai suoi piedi. Leopardi scrive La ginestra, la lunga poesia in cui racchiude il suo pensiero, avvolgendo l’esperienza umana, la storia, la natura, il cosmo in un unico flusso il cui termine ultimo è il silenzio.

“Così ho pensato di andare verso la Grotta,
in fondo alla quale, in un paese di luce,
dorme, da cento anni, il giovane favoloso.”

Anna Maria Ortese
(Pellegrinaggio alla tomba di Leopardi contenuto nella raccolta Da Moby Dick all’Orsa Bianca-Scritti sulla letteratura e sull’arte, Adelphi 2011)

 

Note di regia
Abbiamo scritto la sceneggiatura del film attingendo agli scritti di Leopardi e all’insieme del suo epistolario, lo scrigno attraverso cui è possibile seguire la sua breve vita dalla Recanati della biblioteca paterna fino alla Napoli del colera e del Vesuvio.
Ed ecco la famiglia di Giacomo, il padre Monaldo, il compagno della vita Antonio Ranieri, gli intellettuali del tempo, la donna per la quale si accese di passione, Fanny Targioni Tozzetti… Ma il mio interesse non è per l’aneddoto: la vita di Leopardi è tutt’uno con la sua scrittura, si potrebbe dire che non c’è un suo verso, non c’è un suo rigo che non sia autobiografico. Leopardi sa, con molto anticipo su Proust, o su Beckett, che solo la radicale esperienza di se stessi consente la partita con la verità: da qui le poesie, lo Zibaldone, le Operette morali. È per questo che oggi possiamo sentire Leopardi con tanta forza.
Affrontare la vita di Leopardi significa inoltre svelare un uomo libero di pensiero, ironico e socialmente spregiudicato, un ribelle, per questa ragione spesso emarginato dalla società ottocentesca nelle sue varie forme, un poeta che va sottratto una volta e per tutte alla visione retorica che lo dipinge afflitto e triste perché malato. Dopo Noi credevamo, ho voluto insistere con questo film nel tentativo di riportare alla luce pezzi del nostro passato a mio avviso preziosi per il presente, ma questa volta non si tratta di un film storico. Il giovane favoloso vuole essere la storia di un’anima, che ho provato a raccontare, con tutta libertà, con gli strumenti del cinema.

Mario Martone

 

Italia, 2014, 135′

 

Gallery Fotografica


_____________________________________________________________________________

Trailer

Clip Video

CLICCA QUI PER SCARICARE LA CLIP IN ALTA RISOLUZIONE

Clip Video

Clip Video

Clip Video

Clip Video

Clip Video

Clip Video