LI_newsSitoPB2

L’INTREPIDO in concorso a Venezia 70

sez

in concorso alla 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

L’INTREPIDO
un film di Gianni AMELIO con Antonio ALBANESE
e per la prima volta Livia ROSSI e Gabriele RENDINA, e con Alfonso SANTAGATA e Sandra CECCARELLI

 

Scarica il press book

Scarica il manifesto e le foto in alta risoluzione:
pacchetto foto 1 pacchetto foto 2 pacchetto foto 3

Scarica le clip audio – clip audio 1clip audio 2

*Trailer e clip video a fondo pagina

 

Prodotto da Carlo DEGLI ESPOSTI
Una produzione PALOMAR con RAI CINEMA
In associazione con UNICREDIT
Con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema
Distribuzione 01 DISTRIBUTION

 

Uscita: 5 SETTEMBRE 2013

 

Soggetto  Gianni AMELIO
Sceneggiatura  Gianni AMELIO, Davide LANTIERI
Fotografia  Luca BIGAZZI
Montaggio Simona PAGGI
Musiche composte orchestrate e dirette da Franco PIERSANTI
                                       edizioni musicali Emergency Music Italy
Scenografia  Giancarlo BASILI
Costumi  Cristina FRANCIONI
Suono  Alessandro ZANON a.i.t.s.
Direttore di produzione  Francesco BELTRAME
Aiuto regia e casting  Francesca POLIC GRECO
Producer Palomar  Marco CAMILLI
Edizione  Gianni MONCIOTTI
Produttore esecutivo  Gianfranco BARBAGALLO
Distribuzione internazionale RAI TRADE

 

Sinossi
Immaginiamo che esista un nuovo mestiere e che si chiami “rimpiazzo”. Immaginiamo che un uomo senza lavoro lo pratichi ogni giorno, questo mestiere. E dunque che lavori davvero oltre misura e che sia un uomo a suo modo felice. Lui non fa altro che prendere, anche solo per qualche ora, il posto di chi si assenta, per ragioni più o meno serie, dalla propria occupazione ufficiale. Si accontenta di poco, il nostro eroe, ma i soldi non sono tutto nella vita: c’è il bisogno di tenersi in forma, di non lasciarsi andare in un momento, come si dice, di crisi buia. Immaginiamo poi che esista un ragazzo di vent’anni, suo figlio, che suona il sax come un dio e dunque è fortunato perché fa l’artista. E immaginiamo Lucia, inquieta e guardinga, che nasconde un segreto dietro la sua voglia di farsi avanti nella vita. Ce la faranno ad arrivare sani e salvi alla prossima puntata?

Gianni Amelio su L’intrepido
Il produttore dice che questo film è come una nuvola: mentre lo guardi cambia forma. Forse ha ragione. All’inizio delle riprese l’ho definito una commedia, ma in tanti saranno pronti a smentirmi, anche se si ride parecchio. Perché c’è pure chi si commuove e versa qualche lacrima. L’ho scritto di getto, sul corpo e l’anima di un attore che amo molto e col quale da tempo avevo voglia di lavorare: un soggetto “su misura” ma non troppo, che mi facesse competere col suo talento scoprendone qualche lato nuovo, scommettendo su delle sorprese. E accanto a lui ho voluto due giovani ancora sconosciuti, un ragazzo e una ragazza di vent’anni, che regalassero un po’ della loro innocenza agli altri protagonisti. L’intrepido è ambientato oggi, in Italia. Ma non per respirare “l’aria del tempo”, piuttosto per trattenere il fiato. Da qui la sua anomalia rispetto ai film che ho fatto finora e la sua fedeltà a certe cose che mi stanno a cuore da sempre. In questo senso si può leggere il titolo, che riporta ai fumetti che divoravo da ragazzino. In quel giornaletto c’erano figure illustrate ma io le credevo reali; si narravano storie fantasiose ma io pensavo che la vita fosse quella. E soprattutto aspettavo di settimana in settimana il seguito dell’avventura, per la necessità di un lieto fine. Proprio come adesso.

 

_____________________________________________________________________________

SELEZIONE ARTICOLI

ottobre – Economia & Management, “L’intrepido, la demitizzazione della competenza” di Gianni Canova

13/09 – Sette / Corriere della sera, “La durezza dei nostri giorni raccontata a passo di danza” di Claudio Carabba

13/09 – La Repubblica ed. Napoli, “Il lavoro diffonde la civiltà” di Mariano D’Antonio

12/09 – L’Espresso, “L’età del Pane” di Roberto Escobar

11/09 – Vanity Fair, “Bontà uguale buonismo. L’orrido pregiudizio dell’Italia ‘cattivista’” di Michele Serra

10/09 – Il Giorno, “Albanese il superprecario: ‘Il mestiere più intrepido? Senz’altro guidate il tram'” di Silvio Danese

8/09 – L’Unità, “Un’elegia sul lavoro” di Paolo Di Paolo

8/09 – Famiglia cristiana, “Alla fine vince la bontà” di Eugenio Arcidiacono

5/09 – L’Unità, “Nuovi miracoli a Milano” di Alberto Crespi

5/09 – Il manifesto, “Speranze precarie” di Silvana Silvestri

5/09 – La Repubblica, “L’intrepido Albanese” di Natalia Aspesi

5/09 – La Stampa, “Albanese: è il ruolo più trasgressivo che abbia mai fatto” di Fulvia Caprara

settembre – Ciak, “Miracolo a Milano” di Stefano Lusardi

5/09 – Europa, “L’intrepido, l’Italia surreale dei senza lavoro” di Paola Casella

26/08 – Il Sole 24 Ore, “Il mio intrepido sotto l’acqua” di Gianni Amelio

18/08 – Corriere della sera, “Antonio, l’uomo dai mille lavori. «Fatica e speranza, è la mia vita»” di Valerio Cappelli

2/08 – La Repubblica, “Amelio ci riprova” di Maria Pia Fusco

_____________________________________________________________________________

 

 

Comments are closed.